Sfide Future

Getty Images

La pandemia, che sta mettendo a dura prova il sistema, ha accelerato tanti processi, non solo economici, ma anche sociali, ambientali, culturali. E non è solo una questione di debito e di soldi: è arrivato il momento di adottare uno sguardo solidale, rivolto alla comunità, non ripiegato sull’interesse individuale.

Il 2021 pone il nostro Paese di fronte a grandi sfide. La pandemia sta mettendo a dura prova il nostro sistema, ha fatto da acceleratore di tanti processi, non solo economici, ma anche ambientali, demografici, culturali. Negli ultimi dodici mesi (tanto è passato dal primo caso di Codogno), parallelamente a una crisi sanitaria di vasta portata, se n’è sviluppata una economica di proporzioni immani, in cui il crollo dei contratti a termine o del ricorso a interinali è solo la premessa delle centinaia di migliaia di posti di lavoro a rischio in Italia. Un debito pubblico già enorme è lievitato ancora di più, tra minori entrate da una parte e ristori dall’altra. Ma la dimensione della sfida è europea: il piano Next generation Eu ha stravolto le politiche di austerità che caratterizzavano l’Unione fino a non molto tempo fa e ha messo in campo 750 miliardi di euro, metà a fondo perduto e metà a tassi più che agevolati. Soldi che dovranno essere investiti in transizione verde, ammodernamento digitale, inclusione sociale e dei quali una bella fetta arriveranno all’Italia: 209 miliardi. I piani nazionali dovranno essere presentati entro aprile (tra due mesi), ma la Commissione europea ha chiesto di anticipare i tempi in modo da poterne discutere e correggere eventualmente il tiro. Per l’Italia, per l’Europa, è una straordinaria occasione di modernizzazione. Sono tanti soldi, che devono essere investiti bene e in modo trasparente, che non possono essere visti come una grande manovra finanziaria che eroga risorse in mille rivoli.

Il seguito sulla rivista

Thomas Bendinelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.