Una Pompei mai vista prima

Da due anni proseguono incessanti i ritrovamenti a Pompei, il cui Parco archeologico si conferma uno dei più vasti siti ancora ricchi di reperti sommersi dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.

Gli scavi, che continuano, dilatano l’area da visitare: riappaiono ville decorate con figure, animali, scene di festa che, restaurate davanti al pubblico, sono subito esposte. Non mancano raffinati e inediti tesori, come statue, vasi decorati, ricchi corredi, mobili, bracieri, tavoli di metallo e argento, forzieri colmi di monete d’oro e gioielli. Si può vedere anche  la tomba degli amanti clandestini scoperta nel 2018: stanze enigmatiche, con affreschi sensuali avvolti dalla magia di colori intatti, in cui sono sepolti il padrone e la sua ancella, insieme con il figlio illegittimo. Gli scavi del 2019 hanno restituito il dipinto dei gladiatori in lotta e un raro mosaico che ricorda il mito di Orione. Nello stesso anno sono stati rinvenuti anche l’affresco raffigurante Leda e Giove, dove quest’ultimo aveva assunto le sembianze di un cigno, e un dipinto di Narciso che si specchia nell’acqua. Tra le domus che hanno riaperto i battenti, la Casa dei Vettii e la Casa degli amanti, chiusa da quarant’anni, l’unica dimora della quale si conservi intatto tutto il secondo piano, pavimenti compresi.

il seguito sulla rivista

Tina lepri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.