Scuola, si riparte

Getty images

È stata chiusa per tre mesi, con gli esami in mascherina, ma a settembre i portoni dei 57 mila istituti scolastici italiani dovrebbero riaprire. Prima per gli studenti che devono colmare le insufficienze, dal 14 per tutti gli altri. I problemi sono enormi, dall’edilizia al digitale, fino alla sicurezza, ma quella che stiamo vivendo è anche una fase di grande trasformazione. Una possibilità di innovazione straordinaria per l’Italia. Non solo sui banchi o nelle aule universitarie, ma ovunque. Con la consapevolezza che è proprio da istruzione e formazione che passeranno le possibilità di sviluppo per un Paese poche volte così colpito duramente nella sua storia.

«A settembre si torna a scuola in presenza e in sicurezza». È stata questa la promessa fatta all’inizio dell’estate dal ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina illustrando le linee guida per la ripresa dell’anno scolastico. Vedremo fra pochi giorni se sarà davvero così, e per quanto. Non vogliamo fare gli uccelli del malaugurio, ma sappiamo che, più che dalla ministra, la permanenza in classe dipenderà dalla diffusione del covid. L’estate è quasi conclusa, i drammatici mesi di marzo e aprile sono lontani, ma l’ultimo periodo ha mostrato che il virus circola ancora e che l’attenzione deve restare alta. Per la scuola l’anno trascorso è stato drammatico. Peggio di così non poteva andare: possiamo misurare il Pil ma non sappiamo quantificare, perché non è possibile, i disastri di un mezzo anno scolastico andato a ciclo ridotto. Fa bene il ministro, e con lei per una volta anche i sindacati e gli addetti ai lavori, ad affermare con orgoglio che la scuola ha dato prova di resilienza e di capacità di risposta addirittura inattese. In pochi giorni migliaia di insegnanti e di studenti sono riusciti a inventarsi classi virtuali ma, sarebbe miope non riconoscerlo, la scuola a distanza non è per tutti e non è per tutte le età. In tanti sono rimasti indietro, in tanti non hanno avuto la possibilità di seguire le lezioni (uno su otto, dicono i numeri). Tutti, bravi e meno bravi, hanno bisogno di una scuola che non sia solo trasmissione di saperi, ma anche e soprattutto generazione di consapevolezza, socialità, cittadinanza. Tutte cose che solo una scuola in presenza può dare.

Il seguito sulla rivista

Thomas Bendinelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.