Io, italiano tra gli italiani

In occasione del 2 giugno, festa della Repubblica, ricordiamo l’impegno di medici, infermieri e operatori sanitari contro il covid. Ma anche l’importanza fondamentale della nostra Costituzione. Con le parole di un paziente che ce l’ha fatta.

Il covid-19 ci accompagnerà ancora. Un nemico e una paura che ci porteremo dentro anche nei prossimi mesi e fino a quando la comunità scientifica non troverà una cura e un vaccino. Una esperienza tremenda per chi l’ha vissuta, come chi vi scrive, che questa volta, anziché raccontare di fatti e avvenimenti di terzi, ha deciso di raccontare il suo coronavirus. Invadente e devastante, un ospite non invitato che si è posizionato ovunque nel corpo. Polmoni, testa, sistema vascolare e con un tentativo anche su reni e cuore. Con l’aiuto di Dio, e con quello dei medici, però, nel mio caso, è stato il virus ad avere la peggio. Sono consapevole, e me ne dispiace tanto, che tanti altri, invece, non ce l’hanno fatta. Decine di migliaia, solo in Italia e di tutte le età, sottratti ai loro affetti più cari e senza neanche la possibilità di un ultimo saluto. Resteranno indelebili le immagini dei camion carichi di feretri destinati ai forni crematori. Una cruda e triste realtà che mai avremmo pensato di vivere nel terzo millennio. Anch’io, in alcuni momenti, ho pensato di non farcela.

Il seguito sulla rivista

Antonio Dell’Anna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.