Gli altri siamo noi

Getty Images

In occasione della Giornata mondiale del rifugiato, che si celebra il 20 giugno, papa Francesco ricorda che l’accoglienza è un dovere. E proprio in questa direzione va la nuova legge sul diritto di asilo. 

No ai muri, no agli individualismi, no ai nazionalismi. «Siamo tutti chiamati a impegnarci perché non ci siano più gli altri, ma solo un noi, grande come l’intera umanità»: sono queste le parole del messaggio intitolato Verso un noi sempre più grande, con il quale papa Francesco ha presentato la 107ª Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, fissata per il 26 settembre. Un richiamo alla fratellanza e all’unità tra i popoli condiviso anche con l’altra Giornata mondiale del rifugiato, quella istituita dalle Nazioni Unite per il 20 giugno. La necessità di rafforzare la comunità globale, infatti, è anche il tema dell’edizione 2021 di quest’ultimo evento, che è stato celebrato per la prima volta vent’anni fa, per commemorare il cinquantesimo anniversario dell’approvazione, nel 1951, della Convenzione di Ginevra. Oggi, settant’anni dopo quella firma, la questione è più che mai attuale. «Nell’odierna situazione globale, il numero degli sfollati cresce ogni giorno», commenta Carlotta Sami, portavoce dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) in Italia. Guerre, cambiamenti climatici, attacchi terroristici, ma anche situazioni personali ed economiche molto difficili obbligano le persone a lasciare la propria terra per cercare rifugio altrove. Una piccola parte spera di trovare spazio nel cosiddetto Primo mondo, ma la maggioranza si sposta in Paesi vicini, spesso più poveri di quelli lasciati. «È un dato di fatto: oltre l’80 per cento dei rifugiati viene ospitato in nazioni poverissime», quantifica Sami. «Il Niger, per esempio, considerato il Paese con il più basso livello di sviluppo al mondo, accoglie oltre 600 mila rifugiati, una cifra destinata a crescere. In tutto il continente europeo, per contro, il totale dei rifugiati supera di poco il milione.

Il seguito sulla rivista

Annalisa Misceo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.