Parlarsi faccia a faccia

Già da prima della pandemia, la studiosa Sherry Turkle si interrogava su solitudine e tecnologia. E oggi che temiamo gli interlocutori?

Forse siamo in ritardo. Forse è una battaglia persa, ma non bisogna scoraggiarsi. Perché è necessaria per la nostra sopravvivenza sociale, di comunità, famiglie, gruppi informali o formali. Persino fisica… Oggi più che mai, nel tempo in cui parlarsi faccia a faccia, condividendo sorrisi ed emozioni, carezze e abbracci, distanze e contatti, è diventato un comportamento “vietato”. Per questo bisogna provare ad ascoltare e a mettere in pratica i suggerimenti di Sherry Turkle, sociologa del prestigioso istituto di ricerca Mit (Massachusetts institute of technology).

Il seguito sulla rivista

Vittorio Sammarco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.