Così sarà il nuovo modo di viaggiare

Getty Images

Best in travel 2021, la nuova guida pubblicata da Lonely planet, presenta per la prima volta trenta luoghi divisi in tre categorie che corrispondono a importanti valori: comunità, diversità, sostenibilità.

«In quest’anno in cui il nostro mondo si è fermato, ci siamo guardati allo specchio per riflettere su quale sia il modo migliore di incoraggiare i nostri lettori a viaggiare in modo responsabile e a diventare fautori di un cambiamento positivo. E ci siamo resi conto che per riconsiderare i viaggi post 2020 dobbiamo prima di tutto reinventare noi stessi. Per questo motivo abbiamo aggiornato le nostre pratiche editoriali in modo da dare maggiore risalto a voci locali ed eterogenee. Abbiamo, inoltre, deciso di fare un Best in travel diverso dagli altri anni, segnalando luoghi e persone che dimostrano un autentico impegno a favore della comunità, della diversità e della sostenibilità». Le parole di Luis Cabrera, presidente e amministratore delegato di Lonely planet, l’editore delle guide di viaggi più famose al mondo, non danno adito a tentennamenti causa covid. Sì, è vero, la pandemia ha ferito in modo particolare il rigoglioso mondo dei viaggi, che proprio in questi anni di geopolitica globalizzata ha conosciuto i suoi momenti più felici. Ma ci si può rialzare, pensando a un nuovo modo di viaggiare. Una predisposizione quasi intima, originale, a essere solidali con il viaggio che abbiamo in mente. Niente guida di carta, dunque – per intenderci quella che Lonely planetfaceva uscire ogni anno a Natale indicando le dieci mete da sognare – ma spazio al web.

Il seguito sulla rivista

Gianni Di Santo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.