L’inchino di Dio all’umanità fragile

Getty images

Anche quest’anno, in un tempo difficile, carico di sofferenza e dolore, Dio si farà uno di noi. Come lo stiamo aspettando? Con quali speranze e desideri?

Quest’anno le consuete polemiche su presepe sì o presepe no non ci sono state. In compenso, si sono fatte largo le accuse di un’espropriazione del Natale. Si dice: «Ci hanno portato via tutto: il lavoro, la socialità, il gioco, la scuola, le amicizie, il teatro, le gite, i centri commerciali, la sanità, i cenoni, le vacanze, ora volete pure rubarci il Natale?». Il soggetto predatorio è indeterminato e indeterminabile.  Bene, vi do una notizia, una buona notizia, non una bufala, il Natale ci sarà, Dio si farà uno di noi, l’Emmanuele nascerà e abiterà nelle e fra le nostre case. Non esiste alcun Dpcm o alcuna delibera regionale o comunale che possa impedire a Dio di amarci e donarsi a noi. In verità non esiste alcun Dpcm o delibera regionale o comunale che possa impedirci di amare, di generare e accogliere la vita, di condividere l’esistenza, di compartecipare alla costruzione di un mondo nuovo come ci ha insegnato Gesù nel suo Vangelo.

Il seguito sulla rivista

 don Fabio Corazzina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.