Quando la febbre provoca le convulsioni

Getty Images

Ai bambini che hanno avuto una prima crisi, viene prescritto il diazepam, un farmaco da tenere in casa e da usare in caso di nuovi episodi convulsivi di durata superiore ai tre minuti. Il medicinale si somministra per via rettale.

Per i bambini ricomincia la stagione della famigerata febbre, che tanto preoccupa i genitori. A suscitare particolare allarme può essere la comparsa di convulsioni, caratteristiche della fascia di età compresa tra i sei mesi e i cinque anni. Queste ultime si verificano soprattutto a causa di repentini innalzamenti della temperatura corporea e sono più frequenti in alcune infezioni virali, come ad esempio la sesta malattia. A volte possono comparire immediatamente prima dell’innalzamento della febbre. Tra i sintomi si annovera la perdita di coscienza, associata a movimenti di braccia e gambe, irrigidimento o rilassamento della muscolatura, fissità dello sguardo o rotazione degli occhi, possibili perdite di feci o urine. L’episodio non supera mai i quindici minuti, di solito dura uno o due minuti, ai quali generalmente segue una fase di sonnolenza. Le cause non sono ben definite, ma è indubbia una predisposizione genetica.

Il seguito sulla rivista

Barbara Guerrini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.