Dal Gloria al Padre cambia il messale

Da ottobre è in libreria, in un unico formato, l’edizione aggiornata, obbligatoria da Pasqua del prossimo anno. Ecco le novità e le modifiche.

«Padre nostro che sei nei cieli… non abbandonarci alla tentazione». È sicuramente questa la modifica più rilevante contenuta nella nuova edizione del messale romano che da ottobre è in libreria in un unico formato. Presentato al Papa il 28 agosto scorso dal cardinale presidente della Cei, Gualtiero Bassetti, il messale «si potrà adoperare», spiega il porporato, «appena pubblicato; diventerà obbligatorio dal 4 aprile 2021», ovvero dalla prossima domenica di Pasqua. Sempre nella preghiera del Padre nostro è stato inserito un «anche» quando si recita: «E rimetti a noi i nostri debiti come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori». Era stato lo stesso papa Francesco a sollevare il problema della traduzione errata in italiano della preghiera insegnata da Gesù. Per Bergoglio, infatti, «non è una buona traduzione quella che parla di un Dio che induce in tentazione». Francesco ha spiegato che «l’espressione originale greca contenuta nei Vangeli è difficile da rendere in maniera esatta, e tutte le traduzioni moderne sono un po’ zoppicanti. Su un elemento però possiamo convergere in maniera unanime: comunque si interpreti il testo, dobbiamo escludere che sia Dio il protagonista delle tentazioni che incombono sul cammino dell’uomo.

Il seguito sulla rivista

Francesco Antonio Grana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.