Un’oasi verde alle porte di Milano

Il triangolo tra Gaggiano, Abbiategrasso e Bereguardo, nel Parco del Ticino, nasconde paradisi campestri inaspettati, cascine con colture e tradizioni antiche, oltre a una grande storia di solidarietà.

Milano, inteso come groviglio caotico di traffico e di automobilisti in guerra perenne con altri automobilisti (ma anche con motociclisti, tranvieri e soprattutto con ciclisti), dista una trentina di chilometri. L’uscita dell’Ikea della tangenziale Ovest ancora meno. Eppure il triangolo che circonda Gaggiano, Abbiategrasso e Bereguardo, un’oasi verde nel cuore di una delle aree più industrializzate d’Italia, nasconde paradisi campestri inaspettati. Per rendersene conto basta passare un fine settimana scoprendo l’area dove si trova la Cascina Caremma: un’esperienza turistica e culturale sostenibile che si snoda nel borgo di Morimondo, conosciuto per l’abbazia medievale fondata da dodici monaci cistercensi provenienti dalla Borgogna.
Oggi è un agriturismo con 25 anni di esperienza sulle spalle e vanta un ottimo ristorante e una spa. Quest’ultima è stata ricavata dalla vecchia stalla, mentre il ristorante propone un menu degustazione diverso ogni mese: 15 portate con ingredienti a “metri zero”, grazie al fatto che l’azienda agricola Cascina Caremma dispone di 36 ettari di campi dedicati a diverse tipologie di colture che vengono esaltati dalla rotazione agricola.

Il seguito sulla rivista

di Claudio Agostoni [email] 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.