In cammino verso la salvezza

Anche quest’anno la Settimana santa è segnata dalle norme anti-contagio. Possiamo, però, vivere e approfondire la passione e la Resurrezione di Gesù supportati da nuove pubblicazioni e dalle riflessioni di papa Francesco.

«La salvezza non è una scalata per la gloria, ma un abbassamento per amore. È farci piccoli. In questo cammino, per non perdere la rotta, mettiamoci davanti alla croce di Gesù: è la cattedra silenziosa di Dio». Iniziando la Quaresima, i quaranta giorni che precedono la Pasqua, papa Francesco ha indicato la meta di questo percorso: «Guardiamo ogni giorno le sue piaghe, le piaghe che lui ha portato in cielo e fa vedere al Padre, tutti i giorni, nella sua preghiera di intercessione. Guardiamo ogni giorno le sue piaghe. In quei fori riconosciamo il nostro vuoto, le nostre mancanze, le ferite del peccato, i colpi che ci hanno fatto male. Eppure proprio lì vediamo che Dio non ci punta il dito contro, ma ci spalanca le mani. Le sue piaghe sono aperte per noi e da quelle piaghe siamo stati guariti. Baciamole e capiremo che proprio lì, nei buchi più dolorosi della vita, Dio ci aspetta con la sua misericordia infinita. Perché lì, dove siamo più vulnerabili, dove ci vergogniamo di più, lui ci è venuto incontro. E ora che ci è venuto incontro, ci invita a ritornare a lui, per ritrovare la gioia di essere amati». Bergoglio ha indicato ai fedeli il senso autentico della Pasqua cristiana, i cui riti si svolgeranno, anche quest’anno, nel rispetto delle regole anti-contagio per evitare la diffusione della pandemia. Sia la Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti che la Conferenza episcopale italiana hanno, infatti, già emanato delle norme per partecipare alle celebrazioni della Settimana santa in sicurezza, incentivando le dirette streaming dei riti che ricordano la passione, morte e Resurrezione di Gesù.

Il seguito sulla rivista

Francesco Antonio Grana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.