Silvia-Aisha e l’unità d’Italia

Ci siamo stretti, di fronte ai giorni più duri dell’emergenza, e abbiamo riscoperto le qualità più belle dell’essere italiani.

In quei momenti ci siamo sentiti gli uni partecipi del dolore degli altri, chiamati a una comune responsabilità. Persino più buoni. La nostra umanità ha avuto il sopravvento, il nostro Paese ci ha uniti, il silenzio delle strade ci ha fatto meditare sui nostri errori. E tutto questo ci ha strappato la promessa che no, non saremmo più tornati a essere come prima. Che avremmo cercato l’essenziale, che ci saremmo esercitati nella difesa del bene comune. Abbiamo chiamato eroi i nostri medici, le nostre infermiere, le nostre forze dell’ordine, i nostri militari, la protezione civile, tutti quelli che si stavano adoperando per tutelare al massimo la vita nostra e dei nostri cari. Ci siamo sentiti una famiglia, grande e protettiva. Ci siamo commossi. E abbiamo esultato, istintivamente, per la liberazione di Silvia Romano, la giovane cooperante italiana rapita in Kenya il 20 novembre del 2018.

Il seguito sulla rivista

Annachiara Valle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.