Dai maestri agli influencer

Getty Images

Se i primi erano guide autorevoli che insegnavano il pensiero critico, i secondi indicano solo mode e modelli da seguire. L’antidoto per non farsi fagocitare resta quello di fare valere le proprie idee.

I modi di vivere e le espressioni che meglio li identificano evolvono e cambiano con la società. Si assiste, talvolta senza rendersene conto, all’eclissarsi di alcune figure che hanno attraversato la storia e che a un certo punto sono relegate a un ruolo marginale, soppiantate da altre che sembrano conquistare la ribalta. Film, libri, programmi televisivi, dibattiti, ricerche decretano che il ruolo emergente è oggi quello dell’influencer. Nell’uso originale inglese si tratta di una persona pagata da un’azienda per mostrare e descrivere prodotti e servizi sui social media, incoraggiando altri utenti ad acquistarli. Nell’uso abituale italiano, più che questo aspetto commerciale correlato al marketing e all’advertising, ha preso piede un significato più ampio, sovrapponibile per certi versi a quello che saremmo portati a chiamare classicamente “il testimone”. Il ruolo dell’influencer arriva addirittura ad affiancare o a sostituire quello del maestro. Si tratta solo di un aggiornamento linguistico e di un fenomeno di moda o c’è qualcosa di più dietro la terminologia? Il primo aspetto da considerare è che il posto un tempo occupato dalla cultura e dalla riflessione si riduce sempre di più, soppiantato dalla necessità di monetizzare tutto. Da decenni si vive sotto la dittatura dell’audience e dei sondaggi, entrando così nella prospettiva di dare al pubblico ciò che piace, ciò che aumenta il numero dei contatti, a scapito dell’attenzione per il ruolo di costruzione sociale che è in mano a chi fa opinione. Si diventa famosi soprattutto attraverso la comunicazione online e le immagini. È la regola dei social media, di Tik Tok, Instagram o Facebook, che hanno un impatto non solo sui più giovani, ma su tutta la famiglia e sulla società. Sono gli influencer i nuovi maestri della nostra epoca? Non si può generalizzare. Meglio capire cosa ciascuno dà di sé nello spazio comunicativo.

Il seguito sulla rivista

don Roberto Ponti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.